Masso delle fanciulle, Riserva Naturale del Berignone (Volterra, PI, Italia)

Il territorio della Val di Cecina è caratterizzato da un elevato valore naturalistico e storico-culturale con la presenza di tre importanti aree protette tra cui la Riserva Naturale del Berignone.

Il fiume Cecina, nello scorrere nella valle, crea suggetivi paesaggi in mezzo alla natura.
Il posto che vogliamo segnalare per un bagno è il Masso della Fanciulle.

Appena parcheggiata l’auto è necessario guadare il fiume, che in quel punto d’estate è poco profondo , dopodiché si segue la strada sterrata che costeggia roveti, campi delimitati da cipressi, attraversa un ombroso tratto di bosco e giunge sulle sponde del fiume; a quel punto la strada diventa un sentiero che continua lungo una parete rocciosa (questa è la parte del percorso meno agevole ma comunque fattibile) rivelando tutta la bellezza della splendida valle. Sui suoi fianchi cresce la vegetazioni lussureggiante e verde che incornicia le acque cristalline del fiume, contribuendo a creare scorci mozzafiato.

Proseguendo si arriva alle cataratte, cascatelle alte circa un paio di metri, da cui ci si può anche tuffare (l’acqua è abbastanza profonda) .

Con un ultimo sforzo (la passeggiata dura solo una ventina di minuti) si arriva al vero e proprio Masso delle Fanciulle: una strozzatura della valle, limitata sui lati da due faraglioni di roccia che creano un laghetto profondo.

Proseguiamo ma il percorso si complica un po’: del sentiero infatti non si trova quasi più traccia e è necessario risalire il fiume (l’acqua può arrivare anche quasi fino al collo, dipende dall’altezza vostra e dalla portata del fiume) fino ad arrivare al Masso degli Specchi, così chiamato perché quando splende il sole si crea un gioco di luci per cui l’acqua si riflette sulle rocce proprio come fossero specchi.

Non lontano potrebbe essere interessante una escursione alla Rocca dei Vescovi

Profondità acqua : bassa o non molto profonda. Dipende dai punti di immersione

Temperatura acqua:  fresca, ma d’estate dovrebbe servire il solo costume.

Spiaggia : sabbia e sassi

Come arrivare:  Seguire la SS439 in direzione Volterra e poi Pomarance. Oltrepassato il ponte sul fiume Cecina proseguire in direzione Berignone – Lanciaia, superato il ponte sul fiume Possera svoltare a sinistra e arrivare fino al guado del mulino del Berignone. Qua è possibile parcheggiare la macchina. L’ultimo centinaio di metri da percorrere è un po’ accidentato.

fonte: http://irintronauti.altervista.org

Approfondisci sul Web:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *